Madama Butterfly

Opera

Madama Butterfly

Giacomo Puccini
dal 6 al 13 Febbraio
Teatro Comunale (Firenze)
2 Tweet
436 Like

Siamo gente avvezza
alle piccole cose

Direttore Juraj Valčuha
Regia Fabio Ceresa
Scene Giada Tiana Claudia Abiendi
Costumi Massimo Carlotto
Luci Pamela Cantatore

Cio-Cio-San Fiorenza Cedolins
 Yasko Sato (8, 11, 13)
Suzuki Enkelejda Shkosa
 Manuela Custer (8, 9, 11)
Kate Pinkerton Milena Josipovic
F. B. Pinkerton Stefano Secco
 Vincenzo Costanzo (8, 13)
Sharpless Julian Kim
 Vincenzo Taormina (8, 12, 13)
Goro Roberto Covatta
Yamadori William Corrò
Lo zio Bonzo Cristian Saitta
Il Commissario Imperiale Ivan Marino
L'Ufficiale del Registro Vito L. Roberti
La madre di Cio-Cio-San Sabina Beani
La zia Ilaria Sacchi
La cugina Eun-Young Jung

 Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino
Maestro del Coro Lorenzo Fratini   

Nuova produzione
Allestimento del Teatro Comunale di Bologna

 

Teatro Comunale
Giovedì 6 febbraio, ore 20.30
Sabato 8 febbraio, ore 20.30
Domenica 9 febbraio, ore 15.30
Martedì 11 febbraio, ore 20.30
Mercoledì 12 febbraio, ore 20.30
Giovedì 13 febbraio, ore 20.30

Piccolo Teatro
Giovedì 6 febbraio, ore 19.45
Sabato 8 febbraio, ore 19.45
Domenica 9 febbraio, ore 14.45
Martedì 11 febbraio, ore 19.45
Mercoledì 12 febbraio, ore 19.45
Giovedì 13 febbraio, ore 19.45

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili

Piccolo Teatro
Mercoledì 5 febbraio, ore 21.00

Madama Butterfly uno e due: versioni a confronto
a cura di Leonardo Previero e Giovanni Vitali

Una conferenza-concerto alla scoperta delle molte differenze fra la prima edizione in due atti della celebre opera pucciniana, fischiata al Teatro alla Scala nel 1904, e la seconda edizione in tre atti, che trionfò al Teatro Grande di Brescia nello stesso anno.

In collaborazione con gli Amici del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Firenze Lirica, Il Foyer

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili

Per prima cosa, David Belasco, cui si deve tutto: perché Puccini, com’è noto, trasse ispirazione, nel luglio 1900, dalla rappresentazione londinese della sua Madam Butterfly. Un video spiega origini e differenze e si trova qui: http://www.youtube.com/watch?v=IgCNQKiF2O8. Per sapere qualcosa di più su Belasco, o meglio per ammirarne la versione fiction, si potrà rivedere invece La signora dai capelli rossi (1940) (uno spezzone qui: http://www.youtube.com/watch?v=j8TKS6rM-xo). Sulla straziante vicenda dell’infelice giapponesina si sono cimentati in molti, dopo Puccini. Persino Fritz Lang gira un piccolo film muto nel 1919 con Un bel dì vedremo a commento: un frammento è in rete con dialoghi tradotti in inglese: http://www.youtube.com/watch?v=hqtPMnvPqCY. Nel 1922, un secondo film muto, The Toll of the Sea, trasporta la vicenda in Cina e rinomina la protagonista Fior di Loto (interprete Anna May Wong), ed è parzialmente visibile con sottofondo a posteriori di musica cinese: http://www.youtube.com/watch?v=V0xq9n9oEGg. Altra diffusione il film del 1932 con Cary Grant, Marion Gering, Sylvia Sidney (http://www.youtube.com/watch?v=7UrMKJ5x9lA), mentre Un bel dì vedremo si catapulta anche nel più famoso First Love con Deanna Durbin, allora diciassettenne: http://www.youtube.com/watch?v=LB2OTEcRhBs. Un altro salto in avanti e siamo al 1955 e al film opera di Carmine Gallone con Cio-cio-san interpretata da Kaoru Yachigusa (la voce è di Orietta Moscucci): http://www.youtube.com/watch?v=93d-ixv7VEo. Per chi volesse versioni più vicine c’è il duo Mirella Freni-Placido Domingo diretti da Herbert von Karajan, da rivedere qui: http://www.youtube.com/watch?v=_Im8n6hprEY. Per le rivisitazioni d’autore imperdibile M. Butterfly, diretto nel 1993 da David Cronenberg dalla pièce di David Henry Hwang, dove il diplomatico francese René Gallimard viene folgorato da una cantante dell’Opera di Pechino che interpreta Madama Butterfly. Il film si trova integralmente qui: http://www.youtube.com/watch?v=78fyu5ti7Lk, e vale la visione.

Loredana Lipperini